sabato 29 dicembre 2012

Abbiamo superato 1000 visualizzazioni!!!



Grazie"1000"a tutti!
guardando il blog ho trovato una gradita sorpresa le
visualizzazioni hanno superato i 1000!
E tutto questo è per merito vostro cari
lettori; che mi seguite e sostenete giorno dopo giorno.
Grazie a tutti voi che  mi
scrivete  i vostri pensieri sulle ricette o semplicemente mi sostenete provando le mie creazioni. A tutti un Grazie di cuore!!!!!


venerdì 28 dicembre 2012

Vinchef-Un successo in cucina

Finalmente un nuovo aiutante in cucina è Vinchef, un prodotto innovativo creato da una miscela di vini italiani ed erbe aromatiche.Ideale per chi ha sempre le mani in pasta e vuole sperimentare sempre nuove bontà.

Le erbe aromatiche:rosmarino,salvia,timo,origano,alloro e aglio,sono stati infusi a lungo nel vino per ottenere un insaporitore  naturale,gustoso ed immediato,adatto a marinature di pesci e di carni,per le sfumature di scaloppine e risotti.Semplice, naturale, facile da dosare, Vinchef è la soluzione giusta per te che non vuoi rinunciare al piacere di cucinare ricette originali e gustose nel minor tempo possibile.
Vino, erbe, spezie: l'insaporitore di oggi e di domani.

Ringrazio l’ azienda Toso per avermi dato la possibilità di provare il loro prodotto.



Potete visitare il sito:


giovedì 27 dicembre 2012

Muffin di prosciutto e formaggio


Ingredienti: per 6 muffin
220 gr di farina 00
2 uova
150 ml di latte
5 fette prosciutto cotto 
cubetti di formaggio(quello che preferite)
1/2 bustina di lievito in polvere
sale q.b.
olio extravergine

Procedimento:


In una ciotola unite latte, uova, sale e mescolate il tutto.Successivamente  aggiungete la farina setacciata con il lievito in polvere, il prosciutto a pezzetti, i cubetti di formaggio e l'olio extravergine d'oliva.
Preparate gli stampini dei muffin,versate il composto nei stampini e infornate a 180° per 20-25 minuti.

lunedì 24 dicembre 2012

BUON NATALE A TUTTI VOI



Il Natale porta nell'aria un profumo speciale, un profumo di 

pace e serenità. Possa questo profumo coinvolgere i cuori di

tutte le persone del mondo affinché la vita possa essere 

migliore. Buon Natale a tutti voi!

Con affetto,Valentina!





venerdì 21 dicembre 2012

Omelette di sottilette light e prosciutto crudo


Ingredienti:
2 uova
sottilette light inAlpi
2 fettine di prosciutto crudo
olio evo
sale q.b.
pepe q.b.



Preparazione:
Per preparare l'omelette, rompete le uova in una ciotola
e sbattetele il minimo necessario affinché si mescolino bianco e rosso ma senza amalgamarsi completamente,salate e pepate il composto.In un padellino mettete un filo d'olio in modo da foderare tutta la padella,successivamente versate il composto dell'uovo nel padellino,Quando l'omelette inizierà a rapprendersi, con la paletta di legno staccate i bordi dell’omelette e muovete la padella avanti e indietro, poi inclinatela, e fate scivolare l’omelette verso il bordo della padella. Ora sempre con la paletta di legno rialzate il margine opposto e ripiegate l’omelette su se stessa. Infine mettete sulla superficie dell'omelette le sottilette light inAlpi e le fettine di prosciutto.Servite il tutto ben caldo. 

lunedì 17 dicembre 2012

Cotolette cotte al forno

Oggi vi propongo un piatto semplice, gustoso e veloce.

Ingredienti:
4 fette non troppo spesse di petto di pollo
250 ml di latte
pane grattugiato 
origano secco
sale
olio evo

Procedimento:
Prendete le fettine di pollo e le mettete in una ciotola e ricopritele di latte. Per mezz'ora. Mescolate ora in un piatto pane grattugiato, origano secco e sale. Sgocciolate le fettine e passatele bene nella panatura. Preparate una teglia grande, posizionate le fettine e aggiungete l'olio extravergine.Successivamente mettete in forno per 20 minuti a 180°.

La bontà Inalpi



Oggi amici miei vi voglio parlare di questa azienda che sin  dal lontano 1800 le famiglie proprietarie di INALPI erano attive nel settore lattiero caseario. La tradizione, ben rappresentata da questa lunga esperienza, ha saputo evolversi grazie ad una grande attenzione al miglioramento della qualità, alle richieste del mercato ed all'innovazione tecnologica ed ha portato alla nascita a Moretta (Cn) dell'attuale INALPI 
Il processo di sviluppo, costruito con passione e professionalità, si è rivelato vincente grazie alla ricerca costante di un altissimo standard qualitativo delle materie prime. 
L'utilizzo di latte nelle lavorazioni aziendali, la tracciabilità del prodotto e la costante attenzione posta per il rispetto della normativa igienico sanitaria costituiscono il valore aggiunto che caratterizza la produzione INALPI. Le capacità produttive ed organizzative raggiunte ci autorizzano a proporci fortemente sul mercato come partner di fiducia sia per l'industria che per la grande distribuzione.
Ho chiesto all'azienda ’’Inalpi’’ che produce un'ampia gamma di prodotti: ai principali derivati del latte, panna, burro e yogurt, si affiancano i lavorati quali il preparato alimentare per pizza e il formaggio fuso filante, i formaggini, il formaggio fuso a fette (anche in versione light ed a basso contenuto di colesterolo), ottenuti utilizzando solo formaggi e latte, di cui si apprezza tutto il sapore. 
Completano l'offerta disponibile la commercializzazione di formaggio grattugiato fresco e di diversi tagli di formaggi classici. ho chiesto di collaborare con il mio blog per poter sperimentare di persona la bontà InAlpi, e di condividere con voi questo gusto unico.
Per questo ringrazio l'azienda InAlpi che mi ha amichevolmente omaggiato con sottilette di vari gusti e dei formaggini e mi permetteranno di consigliarvi ricette gustose da utilizzare per ogni occasione.

Certificazioni:
La qualità INALPI è garantita dalle certificazioni ISO aziendali (copie allegate), e in particolar modo, a tutela della sicurezza, dal certificato ISO 22.000, incentrato sul "Sistema Gestione Sicurezza Alimentare", di cui i certificati IFS e BRC sono complemento.

Filetto alla griglia aromatizzato al pepe verde

Ingredienti:
1 filetto di manzo o di vitello
Pepe verde in salamoia della Tec-Al
olio extravergine
sale








Procedimento:

Tirare fuori la carne dal frigorifero almeno almeno mezz'ora prima della cottura, altrimenti sarà troppo fredda e messa a contatto con la piastra bollente ne abbasserà la temperatura. Tamponare la carne con carta da cucina, sia per eliminare eventuali residui di osso, sia per eliminare l'acqua, che impedisce una buona cottura.
Scaldare su fiamma viva la piastra in ghisa. Mentre si sta scaldando unire un filo d'olio ed asciugarlo con carta da cucina.
Quando la piastra sarà ben calda comincerà ad emettere un lieve fumo, appena percettibile. Gettare sulla piastra un pò di sale.quindi mettere la carne.Lasciarla cuocere per 2-3 minuti, senza toccarla, affinché possa ben cuocere. Mantenere la fiamma piuttosto vivace. Non deve ne comparire acqua sul fondo della piastra (temperatura troppo bassa), ne fumare eccessivamente (temperatura troppo alta). In entrambi i casi la cottura ne risulterebbe compromessa. Se si devono cuocere più filetti contemporaneamente procurarsi una piastra di adeguate dimensioni da scaldare su fiamma alta, altrimenti cuocerne uno alla volta.
Trascorsi i 2-3 minuti, alzare un lembo della carne per valutare lo stato di cottura. Deve essere ben dorata e presentare le classiche striature brune, segno che la cottura è avvenuta correttamente. Proseguire ancora 1 minuto la cottura se non dovesse essere ben dorata o se piace ben cotta.Lasciar cuocere la carne sul secondo lato così come si è fatto per il primo.Cospargere il filetto con abbondante pepe verde.
Terminata la cottura mettere la carne in un piatto.Mettere il filetto nel piatto e condirlo con un filo d'olio.


Se siete interessati vi metto il link dell'azienda:http://www.tecalsrl.com/

Orata con carote e pepe di Sichuan


Ingredienti:(per 2 persone)
1 orata eviscerata
 2 carote medie
pepe di sichuan della Tec-Al s.r.l.
1 spicchio d’aglio
olio extravergine d’oliva 
 sale



Procedimento:
Lavare l’orata e squamarla sotto acqua corrente con un coltello. A questo punto sfilettarla con un coltello sottile e tagliente. Levare le pinne laterali, e incidere la coda, sfilettare partendo dalla coda alla testa, tenendo premuto il dorso del pesce con il palmo della mano in modo che la lama del coltello, rimanga bella aderente alla lisca.Togliere la testa e le lische dorsali, molto sottili ma unite tra loro quindi di facile operazione. Eliminare con una pinzetta le lische rimanenti nella polpa qualora ci fossero.
su una teglia da forno mettiamo della carta da forno e iniziamo a disporre le nostre carote sulla teglia come se fossero un ventaglio,condite le carote con un po di sale e olio.Successivamente adagiate i vostri filetti d'orata sulle carote e condite il filetto con l'olio il sale e poco Pepe di Sichuan. Infornare per almeno 20 minuti, mettendo l’aglio in camicia e lo adagiamo tra i 2 filetti e cuocere affinché risulti tutto croccante e dorato. Attenzione, badate alle verdure che essendo sottili potrebbero bruciare, per questo motivo teniamo la gradazione del forno a 160° circa. A coltura ultimata impiantare il tutto.

Se siete interessati ad acquistare questo pepe vi metto il link dell'azienda Tec-Al S.r.l.:http://www.tecalsrl.com/

martedì 11 dicembre 2012

Spaghetti allo scoglio

Ingredienti:

350 g. di spaghettini
500g. di cozze
500g. di vongole
300g. di pomodorini rossi
3 spicchi d'aglio
prezzemolo
olio extravergine
1/2 bicchiere di vino
peperoncino
sale

Preparazione:
Mettere le vongole in una ciotola con l'acqua fredda e un cucchiaio di sale,lasciandole immerse una mezz'ora in modo che spurghino.Nel frattempo pulire le cozze togliendo la barbetta e sciacquandole  in acqua corrente.Versare un po d'olio in una padella e farvi rosolare 2 spicchi d'aglio con un po di peperoncino.Mettere nella padella le cozze e le vongole risciacquate,sfumare con 1/2 bicchiere di vino bianco,coprire e alzare il fuoco.
Lasciar cuocere per qualche minuto finché tutte le conchiglie non saranno aperte.Togliere dal fuoco e sgusciare in una ciotola le cozze e le vongole,lasciandone solo poche con il guscio per rendere la vostra pasta più ricca e scenografia.Passare il liquido di cottura attraverso un colino per eliminare eventuali granelli di sabbia o pezzetti di conchiglia e versarlo nella ciotola con le vongole e le cozze.Nella padella far rosolare un altro spicchio d'aglio con un po d'olio e poi tuffarci i pomodorini tagliati a pezzetti.Salare e far cuocere 5-10 minuti fino a che pomodorini non saranno cotti e morbidi.A questo punto,versare nel sugo di pomodoro le cozze e le vongole con la loro acqua di cottura e cuocere a fuoco vivace fino a che il sugo non si sarà ristretto appena un po (non troppo però altrimenti la pasta risulterà asciutta).Lessare gli spaghettini e scolarli molto al dente.Versarli nella padella con il sugo e portarli a cottura.Da ultimo completare con prezzemolo tritato.

lunedì 10 dicembre 2012

Gamberoni al sesamo in salsa agrodolce

Ingredienti:
12 gamberoni
1 albume
semi di sesamo q.b.
olio per friggere sale
per la salsa:
2 dl di aceto di mele
100 g.di zucchero
un pizzico di peperoncino
4 fettine di radice di zenzero

Procedimento:
Sgusciare i gamberoni,privarli dalla testa ma conservare l'estremità della coda.
Passarli nell'albume leggermente sbattuto e poi impanarli nei semi di sesamo.
Nel frattempo mettere tutti gli ingredienti della salsa in un pentolino e far bollire per breve tempo finché il composto non diventa sciropposo (se raffreddandosi tende a solidificare,scaldare nuovamente e allungare con un po d'acqua).
Friggere i gamberoni in olio di semi e servirli tiepidi insieme alla salsa in una ciotola a parte.

Muffin al doppio cioccolato

Ingrediente:
300 gr. di cioccolato fondente
100 gr.di burro
100 ml di latte
180 gr.di farina
120 gr. di zucchero
1 bustina di lievito
4 uova (2 tuorli e 4 albumi)


Procedimento:
Mettere in un tegamino 100 gr. di cioccolato a pezzi  con il burro e il latte e fare sciogliere a fiamma moderata.
Togliere dal fuoco e,mentre la crema si raffredda,ridurre in scaglie (o tritare) il resto del cioccolato.
In una ciotola mescolare la farina,lo zucchero e il lievito (setacciato),aggiungere la crema al cioccolato,i 2 tuorli (tenendo da parte gli albumi) e il cioccolato a scaglie,e amalgamare il tutto.
Aggiungere due albumi a quelli tenuti da parte e montarli a neve,poi versarli nella ciotola e incorporarli al composto preparato.
Versare il composto nei pirottini da muffin imburrati e infarinati.Mettere in forno a 180° e lasciare cuocere per 20 minuti.

venerdì 7 dicembre 2012

Vorrei tanto che ci fosse un libro di cucina...


Vorrei tanto che ci fosse un libro di cucina anche per la vita, con tutte le ricette che ti dicono come affrontarla nel modo giusto. Lo so, adesso lei mi dirà: "Si impara sbagliando Kate"...
Quello che stavo per dirle, e lei lo sa meglio di tutti, è che sono le ricette che uno si inventa quelle che funzionano meglio di tutte.

                                                                                                      -Dal film Sapori e dissapori-

Gamberi alla Catalana

Ingredienti:
10 gamberi
10 pomodori ciliegini
2 cipolle rosse di Tropea
olio extravergine
limone
basilico
sale e pepe

Procedimento:
Lessare i gamberi senza privarli di carapace e lasciandoli nell'acqua bollente solo pochi minuti,altrimenti diventano duri.Nel frattempo tagliate a dadini i pomodorini e affettare a velo la cipolla.Preparare una marinata con olio,limone,basilico tritato,sale e pepe e sbattere bene con la forchetta. Sgusciare i gamberi,privarli della testa,raccoglierli in una ciotola da portata,mescolarli alla cipolla e al pomodoro. Condire il tutto con abbondante marinata e lasciar riposare in frigorifero,coprendo la ciotola con la pellicola da cucina,fino al momento di servire.



Ciao a tutti oggi vi voglio parlare di spezie e aromi,le spezie sono semi, frutti, radici, cortecce o sostanze vegetali usate in quantità irrisorie dal punto di vista nutrizionale come additivi per dare sapore ad un alimento.
Molte di queste sostanze hanno anche altri usi, ad esempio per la preservazione del cibo.Mentre gli aromi, o piante aromatiche, sono da alcuni considerati spezie, si distinguono da queste in realtà perché vengono principalmente utilizzati freschi mentre le spezie sono essiccate.Rendono i piatti più saporiti; conferiscono aroma e gusto consentendo di ridurre l'uso del sale da cucina il cui abuso porta spesso a patologie da non sottovalutare. Ma non sono solo buone, sono anche salutari. Sono, infatti, ricche di vitamine e sali minerali. Stimolano i processi digestivi, sono  anti-infiammatorie, limitano la proliferazione dei batteri e tonificano gli organi interni.È importante ricordare che la maggior parte di queste va utilizzata fresca, aggiunta a crudo o solo negli ultimi istanti di cottura. 
Ho chiesto all'azienda''Tec-Al'' che produce aromi e spezie  di collaborare con il mio blog per poter sperimentare di persona queste spezie per poter condividere con tutti voi i vari prodotti che ci propone.
L'azienda Tec-Al:
La TEC-AL srl è situata nel cuore dell'Emilia, zona ricca di tradizione ed esperienza nel settore alimentare.L'Azienda opera da anni nel comparto alimentare; propone miscele tecnologiche a base di ingredienti,aromi, spezie ed erbe aromatiche, anche personalizzate.Il successo di Tec-Al srl deriva dalla capacità  di risolvere i problemi delle aziende alimentari attraverso soluzioni, prodotti e servizi altamente personalizzati instaurando un dialogo azienda/clienti nella fase di formulazione e preparazione di semilavorati funzionali per alimenti fornendo formulazioni verificate dal punto di vista della stabilità  e della salubrità  igienico-sanitaria.Obiettivo primario della società  Tec-AL srl è il continuo miglioramento della qualità  del prodotto, compreso i servizi ad esso associati, tale da soddisfare la propria clientela.
Il pepe verde in salamoia:
Il pepe verde è preparato con i grani acerbi della pianta del Piper Nigrum (rampicante sempreverde che cresce nella giungla umida delle zone tropicali), i cui frutti presentano superficie rugosa, reticolata e di colore bruno, con pericarpo sottile e fragile. Trattandosi delle bacche non ancora mature, il loro colore varia dal verde pallido al verde; l’odore e l’aroma sono tipici del pepe fresco, non ancora giunto a maturazione. Oltre che disidratato in grani e, su richiesta, macinato, viene commercializzato anche in salamoia.

PEPE DEI PIACERI con macina trasparente:
Il pepe dei piaceri è una miscela di pepe nelle sue varie maturazioni,verde,rosa,nero,bianco con l'aggiunta di coriandolo.Il pepe dei piaceri da un sapore agli alimenti piccante oltre che un profumo dolce ed intenso.Questo prodotto lo consiglio principalmente per le marinature sia di carne sia di pesce,può essere utilizzato anche per arrosti e per tutte le pietanze cotte alla griglia

Il pepe di Sichuan
E' una piccola bacca ottenuta dalle piante del genere Zanthoxylum fortemente utilizzata in Asia come spezia. Il nome pepe è dovuto al fatto che la bacca può ricordare una bacca di pepe nero, ma tra le due spezie non c'è correlazione.È molto utilizzato nella cucina orientale, per esempio in Cina (soprattutto a Sichuan, da cui prende nome la spezia), Nepal, Tibet, Bhutan e Giappone.Il pepe di Sichuan ha un sapore particolare: non è pungente come il pepe nero o il peperoncino, ma, dopo il piccante, presenta un leggero aroma di limone e lascia in bocca un leggero intorpidimento (causato dal 3% di hydroxy-alpha-sanshool in esso contenuto). A differenza del vero pepe i semi interni vengono scartati e si usano solo i gusci che li contengono; i quali di solito vengono tostati e macinati appena prima del loro utilizzo in qualche ricetta e generalmente vengono aggiunti all'ultimo momento, a fuochi ormai spenti.Nella cucina cinese si accompagna spesso allo zenzero e all'anice stellato. Viene utilizzato solitamente per piatti a base di pesce, anatra, pollo e con le melanzane fritte.Alcuni ristoranti italiani presentano dessert, soprattutto a base di fragole o frutti rossi, contenenti questa spezia.


Se siete interessati questo è il sito internet:http://www.tecalsrl.com/





giovedì 6 dicembre 2012

Cuscus con verdure

Ingredienti:
250 gr. di cuscus
1 cipolla
450 gr. di verdure (peperoni,fagiolini,cavolfiori,broccoli e carote''anche una busta di verdure surgelate'')
250 gr. d'acqua
1 dado di carne o di verdure
zafferano
basilico
olio extravergine
sale

Procedimento:
Affettare la cipolla e farla rosolare in padella con un po d'olio.Aggiungere le verdure e portare a cottura a fuoco vivace insaporendole con un po di sale.Nel frattempo far bollire l'acqua in un pentolino,aggiungere il dado e il sale. Raggiunto il bollore, spegnere il fuoco,unire il cuscus,mescolate per circa  un minuto aggiungendo qualche cucchiaio d'olio e lasciar riposare(dopo circa 10 minuti il cuscus sarà rivenuto e avrà raggiunto la giusta consistenza).Mettere il cuscus nella padella delle verdure e mescolare bene sgranando i chicchi con la forchetta.Sciogliere in una tazzina d'acqua tiepida lo zafferano, aggiungerlo al resto cuocendo ancora per circa un minuto.Servite caldo guarnito con del basilico fresco.

Capesante gratinate ai pistacchi e arance

Ingredienti:
6 capesante con il guscio
pistacchi qb
1 fetta e 1/2 di pancarré
1 arancia
50 gr. di burro
sale
pepe

Procedimento:
Staccare il mollusco dalla conchiglia utilizzando un coltellino e lavarlo in acqua corrente ben fredda.
Sciacquare la conchiglia e ricollegarvi il mollusco.Tritare con un mixer da cucina i pistacchi con il pane.Aggiungete alla panatura la scorsa grattugiata dell'arancia.Salate le capesante, ricopritele con l'impanatura, sciogliere il burro e versarne un po in ogni conchiglia.Completare con ancora un pò di sale e pepe,mettere in forno ventilato a 180° e cuocete per 12 minuti.
Se rischiano di bruciare,coprite le capesante con della stagnola;se invece non si forma la crosticina croccante,negli ultimi minuti usate la funzione grill e alzate la temperatura.Decorate con spicchi d'arancia e servire.

domenica 2 dicembre 2012

Mini cannoli con crema e pistacchio

"I cannoli siciliani sono dolci fritti tradizionali che venivano consumati originariamente nel periodo di Carnevale ma che hanno avuto così tanto successo da essere diventati il dolce siciliano più diffuso e apprezzato e vengono gustati tutto l'anno."


Ingredienti:
24 cialde di cannoli mignon ''Pennisi''
4 tuorli
100 g zucchero
 40 g farina
500 ml di latte
1buccia di limone

 Procedimento:


Per la crema pasticcera: riscaldate il latte con la buccia di un limone In una casseruola versate i tuorli e lo zucchero e montare con una frusta elettrica per circa 15 minuti fino ad ottenere un composto spumoso e bianco. Unite la farina setacciata e mescolare per incorporarla bene al composto di tuorli e zucchero delicatamente. Sempre mescolando unite il latte a filo. Mettete sul fuoco e senza smettere di mescolare portate ad ebollizione, abbassate la fiamma e fate sobbollire per 2 minuti fino a far addensare la crema.Versate la crema in una ciotola per bloccare la cottura e coprite con della pellicola fino a quando non si sarà raffreddata.


Farcite con la crema pistacchio e spolverizzate di zucchero a velo.

giovedì 29 novembre 2012

Il post di oggi è un post di "chiarimento"


Il post di oggi è un post di "chiarimento", ci tengo a scriverlo e spero che faccia piacere anche a voi conoscere il mio punto di vista.
Le mie collaborazioni  non mi vincolano in alcun modo,nell'esprimere un giudizio  o mi obbliga a parlar bene di un prodotto, sono le mie opinioni oneste e non condizionate dall'omaggio ricevuto, non avendo obblighi spesso passa del tempo tra l'arrivo del prodotto e la recensione proprio perché ci tengo a prendermi il tempo necessario per valutare con calma i prodotti per poterli testare accuratamente per voi.
Ogni opinione espressa non e' condizionata in alcun modo,ma unicamente frutto della mia personale esperienza col brand.





Vi lascio con questa frase oggi:

''Per molti versi la professione del critico è facile: rischiamo molto poco pur approfittando del grande potere che abbiamo su coloro che sottopongono il loro lavoro al nostro giudizio; prosperiamo grazie alle recensioni negative che sono uno spasso da scrivere, e da leggere. Ma la triste realtà a cui ci dobbiamo rassegnare è che nel grande disegno delle cose anche l'opera più mediocre ha molta più anima del nostro giudizio che la definisce tale. Ma ci sono occasioni in cui un critico qualcosa rischia davvero: ad esempio nello scoprire e difendere il nuovo.''                                                            -Anton Egò-



Oggi miei cari amici, vi voglio parlare dei cannoli siciliani, il simbolo e l’orgoglio della pasticceria Siciliana che grazie al suo peculiare gusto è alla sua bontà ha ormai raggiunto ogni angolo del mondo. Come tale è stata ufficialmente riconosciuta e inserita nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani (P.A.T) . Si compone di una cialda di pasta (detta scorza o buccia),  fatta di farina di grano tenero, vino, zucchero e strutto che viene arrotolata su di un piccolo tubo di metallo e poi velocemente fritta. Il ripieno tradizionale consiste in: ricotta di pecora setacciata e zuccherata a cui  vengono poi aggiunti canditi o gocce di cioccolata, e infine spolverato con dello zucchero a velo. Oggi potete trovare i cannoli anche farciti con crema pasticcera, crema al pistacchio o con il cioccolato(Per tutti gusti insomma!).
Ho chiesto all'azienda ’’Pennisi’’ che produce ‘’bucce’’ di cannoli Siciliani di collaborare con il mio blog per poter sperimentare di persona la bontà di un vero cannolo siciliano artigianale, e di condividere con voi questo gusto unico.
Per questo ringrazio il signor Pennisi che mi ha amichevolmente omaggiato con scorze di varie dimensioni che mi permetteranno di consigliarvi ricette gustose per farcire i vostri cannoli;  il resto lo faranno queste meravigliose cialde che potrebbero esser mangiate anche da sole per quanto sono buone.


Pennisi:
 L’ Azienda nasce circa 20 anni fa dalla volontà e intraprendenza di Sebastiano Pennisi . 
Da circa 10 anni il laboratorio artigianale si è sempre più specializzato nella produzione di BUCCE di CANNOLI SICILIANI, migliorando sempre la sua qualità e facendosi apprezzare sempre più prima dalla propria clientela, poi da chi lo ha gustato apprezzandone la fragranza, il sapore ed i profumi,La sede è a Belpasso , un paesino in provincia di Catania alle falde dell’ETNA.








Vi consiglio di provare questi cannoli perché sono FAVOLOSI!!!

Se siete interessati questo è il sito internet:http://www.cannolidisicilia.it/chisiamo.html

A presto con le ricette per farcire queste delizie.


mercoledì 28 novembre 2012

Cosa c'è di meglio di un cannolo di ricotta per ritemprarsi?


Cosa c'è di meglio di un cannolo di ricotta per ritemprarsi? Affondi i denti nel croccante della sfoglia, e la crema fugge via dall'involucro che la teneva prigioniera, e ti incolla di morbida dolcezza. Un cannolo di ricotta ti rimette in sesto. Ti Riconcilia col mondo e con la vita.

                                                         Dal Libro “Vita Candita” di Rosalba Perrotta


e con questa frase inizia la mia seconda collaborazione ;)
CONTINUATE A SEGUIRMI!!!

Pane integrale

Il pane integrale:
Il pane integrale, preparato con farina integrale, è un ottimo sostituto del pane bianco in quanto ricchissimo di fibra, vitamine e sali minerali.

                                                                Ingredienti:

500gr. di pane integrale del Molino Chiavazza
300gr. di acqua
12 gr. di lievito di birra
1 cucchiaino di zucchero o malto
sale q.b.
olio evo


Procedimento:

Mescolate in una ciotola lo zucchero insieme al lievito di birra sbriciolato 
In un bicchiere versate l’acqua tiepida, l’olio extra vergine d’oliva e il sale e mescolate il tutto molto bene.
Disponete la farina integrale a fontana e versate il contenuto del bicchiere (acqua, olio extra vergine d’oliva e sale) e il composto di lievito e zucchero .
Pian piano, impastate il tutto finché la farina abbia assorbito gli altri componenti,continuate ad impastare fin quando avrete un panetto liscio.
Il risultato sarà una pasta morbida, elastica, appiccicosa.
Formate una palla con l’impasto e lasciatela riposare coperta da un panno in un posto caldo per circa due ore.
Passatele due ore, impastate di nuovo per 5 minuti e riponete il vostro composto in un posto caldo coperto da un panno per una o due ore.
Trascorso il tempo di lievitazione,dividete il composto in due parti e date a queste la forma che più preferite.
Adagiate i due composti su una terrina da forno ricoperta con carta da forno.
Segnate il pane, nella sua parte superiore, con una croce.
Cuocete in forno già caldo a 200° per circa 40 minuti.

Polenta con tartufo e pomodoro

La polenta:
Da sempre definita il"piatto dei poveri" la polenta sta alla base di molte delle ricette tipiche valtellinesi proprio grazie alla sua bontà e semplicità: la polenta, infatti, altro non è se non un impasto di acqua e farina di cereali, cotto in un paiolo.
Al contrario di quello che si pensa, la polenta non si fa solo con la farina di granoturco, ma può essere preparata con una grande varietà di cereali e addirittura con le castagne.




 Ingredienti:
500gr. di polenta del Molino Chiavazza
2lt. da acqua
sale
Per la salsa:
Sugo con salsicce:
salsicce 4
carote 2 grandi
sedano 1 costa,cipolla 1
vino bianco 1/2 bicchiere
passata di pomodoro 1 bottiglia
sale, peperoncino,olio evo.
tartufo nero




Procedimento:


Preparare il sugo. Mettere in un largo tegame la carne e le verdure lavate e tagliate a metà. Far cuocere, senza aggiunta di grassi, a fuoco basso con coperchio per circa 20 minuti. Quando il liquido di cottura si è quasi completamente asciugato, aggiungere il vino bianco e lasciar evaporare. Quindi aggiungere la passata di pomodoro, il sale , il peperoncino, olio evo e lasciar sobbollire per circa 40 minuti.
 Mettere a bollire 2l di acqua per la polenta. Prima che raggiunga il bollore (in modo da non formare dei grumi) versare la farina a pioggia, mescolare con una frusta,la polenta sarà cotta quando inizierà a staccarsi dal tegame.
Condire la polenta con il sugo di salsicce,spolverate con del parmigiano e grattate il tartufo.


Consiglio:
Bastano poche scaglie di tartufo  per insaporire l’intera pietanza. Per un risultato davvero sublime, sarebbe meglio abbondare, ma senza esagerare. ;)

domenica 25 novembre 2012

Rotolo alla nutella

Miscela di farina e lievito del Molino Chiavazza:
Per preparare dolci in modo facile e veloce. Adatta per la preparazione di torte, crostate e biscotti. Non necessita dell’aggiunta di lievito.


Ingredienti:
100 gr. di farina del Molino Chiavazza(farina e lievito)
10 gr. di miele
5 uova medie
140gr di zucchero
1/2 bustina di vanillina
Nutella
Zucchero a velo

Procedimento:

Prendete le uova e dividete i tuorli dagli albumi, poi sbattete i tuorli per almeno 10 minuti assieme a 90 gr di zucchero, al miele e alla vaniglia  fino a che non diventano chiari e molto spumosi.
Montate gli albumi a neve non troppo ferma insieme al restante zucchero, quindi unite il composto ai tuorli utilizzando una spatola. Fate attenzione a non smontare gli albumi. A questo punto aggiungete la farina setacciata molto delicatamente ed amalgamate.
Stendete l’impasto su di un foglio di carta forno, posto su una teglia da forno delle dimensioni, e livellatelo con una spatola piatta e liscia fino a raggiungere lo spessore di 1 cm. 
Infornate in forno statico preriscaldato a 220° per 6-7 minuti (non di più); la superficie del dolce deve diventare appena dorata e non dovrete mai aprire il forno che tratterrà al suo interno l’umidità. Estraete dal forno, toglietela immediatamente dalla teglia e poggiatela con tutta la carta forno su di un piano. Spolverizzate subito la superficie  con dello zucchero semolato, che servirà a non farla appiccicare e sigillatela immediatamente con della pellicola, ripiegandola anche sotto i lati. Questo servirà a fare in modo che raffreddandosi trattenga al suo interno tutta l’umidità necessaria a renderla elastica a sufficienza da piegarsi senza creparsi.Quando la pasta sarà fredda togliete la pellicola, farcitela con abbondante nutella spalmandola su tutta la superficie con un cucchiaio o con un lungo coltello a lama liscia. Lasciate un margine di circa 2 cm per evitare che sbordi quando andrete ad arrotolarla. A questo punto arrotolate delicatamente la pasta, poi avvolgetela nella carta da forno e ponetela nel frigorifero per circa 20 minuti.

Pane con la farina di manitoba

La farina di Manitoba del Molino Chiavazza:
La caratteristica principale di questa farina è di contenere una grossa quantità di proteine insolubili (glutenina e gliadina) che, a contatto con un liquido nella fase d'impasto, producono glutine. Il glutine forma una tenace rete che, negli impasti lievitati trattiene i gas della lievitazione permettendo un notevole sviluppo del prodotto durante la cottura; nel caso delle paste alimentari trattiene invece gli amidi che renderebbero collosa la pasta e permette una cottura al dente.


Ingredienti


300 gr di farina 00
300 gr di farina del Molino Chiavazza Manitoba
1 cucchiaino di zucchero
1 cucchiaino di sale
2 cucchiai di olio evo
300 gr di acqua a temperatura ambiente
25 gr di lievito di birra (un cubetto)




Procedimento:
Riempite una ciotola con l'acqua tiepida e sciogliete all'interno il cubetto di lievito e lo zucchero. Su una spianatoia versate le farine e il sale, mescolate e lavorate con l'acqua e il lievito della ciotola. Lavorate bene l'impasto per qualche minuto fino ad ottenere un impasto sodo ed elastico. Spennellate con olio e lasciate lievitare in una coppa dai bordi alti per 2 ore.Coprite con un panno o con pellicola trasparente.
Passate le due ore, prendete l'impasto formate 3 palline e disponetele su teglia rivestita di carta forno.
Cuocete in forno caldo per 30 minuti a 180°.